domenica 24 gennaio 2016

349 - COPPIE GAY

Lo sbaglio è sessualizzare le persone, ne parlano come se due gay si inculassero davanti ai bambini, e già il fatto di chiamarli gay è discriminante, o anche il voler sapere se uno è gay o meno, manca solo che gli mettano il simbolo al braccio come i nazisti nei campi di concentramento.
Siamo tutti tendenzialmente liberi sessualmente, uno può essere attirato da un uomo o da una donna o da entrambi e variare in periodi della sua vita, così come può avere un'unica tendenza permanente.
Comunque deve essere libero di essere come vuole e va garantita la libertà dell'individuo di essere come è.
L'importante è che sia un buon genitore, c'entra niente l'orientamento sessuale e neppure il sesso, se un bambino è abbandonato è essenziale che abbia chi lo cresce bene, punto.
Altrimenti seguendo i folli ragionamenti dei cattolici integralisti dovrebbero anche togliere i figli a tutte le vedove o i vedovi, visto che manca la controparte maschile o femminile per essere una coppia tradizionale.
Sono evidentemente ragionamenti da dementi che cercano solo visibilità mediatica e lo fanno per carrierismo, come i medici obiettori di coscienza che poi vanno nei bordelli in Thailandia o gli integralisti cattolici  che fanno carriera tra la cappella Sistina e la cappella di qualche cardinale.
Sono solo recite a cui solo noi in Italia diamo un peso politico, per l'assenza di uno stato laico siamo diventati una merdosa colonia del Vaticano, in cui i nostri rappresentanti istituzionali devono essere graditi al Vaticano per poter restare al loro posto.






Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.