giovedì 7 giugno 2012

64 - Totò

Totò con Pasolini


Totò era un punk, distruggeva tutte le piccole certezze di quei tempi mettendo in luce le ipocrisie e le meschinità della società con la sua comicità fuori dal contesto, un clown che fa diventare ridicolo ciò che prende di mira: le tradizioni, i politici vuoti e presuntuosi, i rapporti uomo-donna nelle loro assurdità, il lavoro, la famiglia, e molto spesso il sistema economico quando riduce gli individui a una vita meschina.
Totò è stato un'energia pura che distrugge per rivitalizzare, infatti se sei giù di morale un suo film ti fa star meglio.
Non è una macchietta, non fa parte dei luoghi comuni italici, succede esattamente il contrario: li distrugge con la sua comicità devastante.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.