venerdì 8 marzo 2013

156 - Festa della donna


La festa della donna mi ricorda la festa dell'handicappato o la giornata in cui danno da mangiare ai senzatetto, un giorno per lavarsi la coscienza e dal giorno dopo tornare a comportarsi come prima.
Nei posti di potere vedo prevalentemente maschi bianchi.
Se un uomo ha molte donne è un portento da ammirare, invece se una donna ha molti uomini è una troia da denigrare.
Una donna se non è sessualmente attraente non può neanche accedere a molti lavori, dalla commessa alla giornalista televisiva.
Un mazzetto di mimose, ubriacarsi e palpare i genitali a uno spogliarellista non cambieranno la situazione, anzi servono a distrarre dai problemi livellando verso il basso le menti, sono l'ora d'aria concessa ai detenuti.
Quelle che hanno sacrificato la vita per la parità dei diritti non credo che approverebbero.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.