sabato 30 agosto 2014

261 - Lo sguardo

Guardo gli sguardi falsi.
Radiamo al suolo tutti gli alberi che ci circondano perché altrimenti fanno foglie sui nostri perfetti prati verdi, e ci lamentiamo della deforestazione in Amazzonia.
Andiamo a prenderci le sigarette a 500 metri da casa con l'automobile, e ci dà fastidio che i cinesi lascino le biciclette incominciando a girare in automobile.
Ho visto certi che guardavano maniacalmente gli ingredienti su ogni confezione evitando mille sostanze nocive, e poi si facevano in vena con l'acqua delle pozzanghere.
Ragazze serie che col fidanzato hanno fatto sesso dopo un mese, e dopo una birra si sono fatte scopare da 4 suoi amici contemporaneamente.
Uomini irreprensibili sposati che all'amante hanno nascosto di avere una famiglia, e l'hanno messa incinta.
Ma quello che riassume tutto è quando ho visto un vitello al macello, aveva paura, allora un uomo l'ha rassicurato accarezzandolo e il vitello con gli occhi riconoscenti si è fidato, si è tranquillizzato, allora l'uomo affettuosamente l'ha tirato con sé e il vitello fiducioso lo ha seguito verso uno spuntone che lo ha trafitto ammazzandolo, lo sguardo prima di morire era di sorpresa per il tradimento vigliacco.
Quello è uno sguardo che rimane dentro, insieme allo schifo per la falsità umana.



Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.