sabato 9 febbraio 2013

149 - Bisogna informarsi


Trovo paradossalmente molto complice del potere dire che la gente deve informarsi su ogni cosa, per sapere come deve comportarsi;  non si può avere la pretesa che un povero disgraziato, che si fa il culo come la capanna dello zio Tom per vivere e mantenere la famiglia, debba anche mettersi a cercare le informazioni giuste quando si ritira a casa stanco morto e con mille pensieri. E' lo stato che deve garantire una vita serena e sicura, sono diritti inalienabili come anche il diritto a un'informazione senza censure che difenda i cittadini. Invece sono spesso collusi con la peggiore gente proprio quelli che devono garantirci, che noi paghiamo per proteggere i nostri diritti. Sono proprio loro che aiutano i criminali a toglierci tutto. Deevi informarti su quanto si comportano male, ma anche se lo fai loro rimangono lì mentre tu ti rodi il fegato inutilmente dalla rabbia.
Bisogna muoversi tutti per difendere i propri diritti, delegare all'informazione è già un atteggiamento passivo che presuppone guardare dal di fuori, essere spettatore e non protagonista della propria storia.
Si può cominciare non tacendo mai di fronte a un'ingiustizia, non votando mai per quelli che avete anche solo sentito nominare mandandoli via tutti dopo solo un mandato, e nazionalizzando tutte le attività essenziali: banche, case farmaceutiche, ecc, alla cubana, in modo che non ci siano speculazioni sui bisogni essenziali delle persone.
Inoltre i corrotti a qualsiasi livello vanno allontanati, prendendoli a calci in culo.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.