domenica 2 febbraio 2014

218 - Fiducia all'esecutivo

Ho visto un assassino ben vestito, con la cravatta intonata, distribuiva promesse davanti al centro commerciale, infilando con gentilezza le dita nelle vagine e negli ani dei passanti, controllava non avessero contenuti sovversivi, e a chi si lamentava rispondeva che lo dispone la nuova legge appena varata dal governo per la sicurezza dei cittadini.
Chi restava poco convinto e continuava a lamentarsi veniva internato definitivamente al manicomio criminale più vicino, rispettando tutte le norme a tutela del cittadino previste dalla legge.
Nessuno potrà più ostacolare l'operato del governo, nessuno potrà più dire che non siamo in democrazia, con un decreto legislativo appena emanato si stabilisce che sono consentite solo le seguenti domande nei luoghi pubblici:
Che mangi stasera? Che aperitivo bevi? Che automobile hai? Di che marca sono i tuoi jeans? Quanti tatuaggi hai? Quanto guadagni? Mi succhi il cazzo/Mi slinguazzi la topa?
E grazie all'accordo raggiunto con i sindacati confederali da domani chi pensa e chi non desidera i prodotti in vetrina verrà condannato all'impiccagione con corda sterilizzata.
Ricordati sempre di amare la democrazia che ti viene imposta.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.