martedì 11 febbraio 2014

222 - La storia personalizzata

Nelle ricostruzioni storiche più o meno faziose degli eventi bellici quello che si sottovaluta è che era una guerra e in guerra ci sono massacri e morti, lo sbaglio è sempre dividere buoni e cattivi, perché quando si combatte c'è solo la bestialità che è in noi, ed è in tutti i contendenti.
Dopo la storia ognuno cerca di aggiustarsela secondo il suo modo di vedere, ma che siano pochi o tanti i morti rimangono morti e sono sempre ammazzati per gli interessi di quelli che li comandavano.
Avrebbero potuto vivere la loro vita, se non ci fossero quelli che manovrano e decidono sulla vita delle persone innocenti.
Il male è il potere di decidere per gli altri.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.