lunedì 28 marzo 2016

261 - L'ANTICONFORMISMO RECITATO

Se per Pasqua i preti dicevano di mangiare della merda adesso avreste una gran indigestione di merda, invece siete fortunati che vi hanno detto di mangiare neonati di animale, meno fortunati gli animali neonati.
E non tirate fuori la tiritera dell'"e tu", io per esempio non vado a nessun pranzo con nessuno per le feste del cazzo dei preti della minchia, e sto meglio, però vi garantisco che non è facile andare controcorrente, mentre è più comodo sembrare degli alternativi ma essere in realtà dei buffoncelli servi supini a ogni imposizione.
Ah, se a qualcuno dà fastidio quanto scrivo si tolga pure dalle amicizie di fb e dai coglioni, che delle persone false non so che farmene, odio i finti contestatori più dei fascisti di casapound e dei leghisti, non scherzo, rispetto di più uno che è uno stronzo ma almeno è uno stronzo palese e sincero.
Che poi si vede da tutto la falsità, se anche semplicemente posto un video di un gruppo che sia poco conosciuto e non imposto dai media come ascolto per il mercato alternativo vedo che sono rarissime le persone che lo degnano di un ascolto, idem per tutto, film, libri, idee, ...tutto.
Nessuna curiosità intellettuale, nessun desiderio di scoprire cose nuove, rassegnazione e mero esibizionismo di gusti imposti come codici sociali per apparire anticonformisti.
Per dire conosco di persona un paio qui che ascoltano Laura Pausini o Vasco, guardano Maria de Filippi e al massimo leggono Fabio Volo, ma sono persone migliori di tutti i finti ribelli con la maglietta dei Ratm e le citazioni di Chomsky che mi possano venire in mente adesso.
Per le feste ho sempre le palle girate, lo so, ma lo spettacolo che vedo è atroce per me.
Siate sinceri e vi amerò, anche quando mi farete schifo.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.