domenica 21 ottobre 2012

123 - Nuovo Inno Nazionale




Mi alzo alla mattina
e trovo la brina sui peli della tua vagina,
ci han tagliato acqua gas e luce
non c'è più lavoro nel mondo che produce,
siamo perduti
mangiamo tra i rifiuti,
e se protestiamo perché ci macellano
la testa ci sfracellano,
allora zitti
righiamo dritti,
ci lamentiamo sottovoce sommessamente
moriamo di fame lentamente,
e a chi ci toglie la vita di mano
ci pieghiamo porgendo anche l'ano,
crepiamo obbedienti
a ricchi mafiosi e potenti,
siamo buona gente
ce lo dice anche il presidente,
soffriamo più dei cani
soffriamo da italiani.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.